Vendi online in Italia nel 2021. Ecco i dati e come fare se hai un’azienda

“In Italia, nel 2020, le vendite online hanno superato i 48 miliardi di euro”

fonte Il Sole 24 Ore

Sempre più persone comprano su Internet, ormai non solo da Computer ma anche da Smartphone o Tablet e lo fanno con grande naturalezza e in totale sicurezza.

Il web è un punto di contatto costante nel processo di acquisto delle persone.

I tuoi clienti, anche quando non concludono l’acquisto direttamente online, raccolgono informazioni vistando i siti web, comparando i prezzi e soppesando i benefici di comprare dalla tua azienda piuttosto che da un’altra.

In tutto il mondo, oggi, sono oltre 2 miliardi le persone che acquistano con regolarità su Internet — fonte Statista.com

clienti online 2021
2,14 miliardi di persone comprano online — fonte Statista.com

La pandemia e le conseguenti chiusure non hanno fatto che accelerare il processo delle vendite sul web che comunque era già in atto da diversi anni.

La transizione da un acquisto concluso unicamente nel mondo fisico ad acquisto ibrido (internet + mondo fisico), o addirittura full-online, è inarrestabile.

È ormai un dato di fatto che, per un’azienda, il non curare la propria presenza sul web può mettere a rischio la crescita del fatturato per i prossimi anni.

Inoltre il pericolo, probabilmente più grosso, è perdere fette di clientela già acquisita che piano piano viene conquistata da concorrenti che vendono sul web.

Internet non è solo il futuro, ma è già il presente.

Basta pensare che…

L’azienda più in crescita del mondo è un negozio online!

Amazon nel 2020 ha venduto per oltre 386 miliardi di dollari.

fonte Fortune 500

Come mostrano i dati, Internet è un mercato ricco nel quale entrare. Le aziende italiane, un po’ dietro rispetto alle loro concorrenti estere, devono dare un’accelerata al processo di messa online dei propri cataloghi.

Qual è il metodo migliore per vendere su Internet se hai un’azienda?

Di base come imprenditore hai 2 strade che puoi seguire:

  1. Vendere su siti web terzi (Amazon, altri marketplace o e-commerce partner).
  2. Vendere all’interno di un tuo canale di proprietà. Un negozio online a marchio dell’azienda.

È bene distinguere le differenze sostanziali che ci sono tra le due opzioni.

Nel primo caso, se vendi su Amazon ad esempio, hai l’enorme vantaggio di non doverti occupare del marketing. I clienti li ha in mano Amazon e li trova lui per te. Tu non devi fare altro che spedire i prodotti ad Amazon, o al cliente finale, e pagare le commissioni più gli eventuali servizi aggiuntivi di cui hai goduto.

Questo è un sistema molto comodo per l’azienda. Tuttavia c’è un problema.

Scegliere di vendere su Amazon (o altri siti) è una lama a doppio taglio.

Se vendi su Amazon, i clienti sono di Amazon. Non tuoi.

Quindi puoi sviluppare un po’ di fatturato, ma non stai costruendo nulla per la tua azienda.

Ancora peggio, considerato che la miniera d’oro di ogni negozio online è appunto la lista clienti, se vendi su siti terzi stai di fatto finanziando un tuo concorrente.

Amazon non è nuovo a farsi pagare commissioni per vendere prodotti di altre aziende, poi appena vede che c’è mercato se li vende da solo. Tu lo paghi e lui poi può “sbatterti fuori” dal mercato, facendo prezzi più competitivi.

Già molti imprenditori, negli USA nei primi anni 2000, si sono resi conto che potevano “scavarsi la fossa da soli” e hanno deciso di abbandonare Amazon come canale di vendita.

Amazon VS Negozio online di proprietà

La seconda opzione, ovvero vendere da un sito e-commerce di proprietà, è una scelta più sicura per il futuro dell’azienda; ma va detto che richiede un investimento, un affiancamento e un lavoro costanti nel tempo.

Guardando agli interessi dell’imprenditore, la vendita online da un negozio di proprietà è per noi, senza dubbio, la soluzione migliore.

Vendere su Amazon attrae perché “facile e veloce” — anche se oggi non è nemmeno più così — ma espone la tua impresa al rischio di alimentare il “mostro mangiatutto” che domani può ingoiare anche il tuo settore.

Invece, se apri un canale di vendita diretta ai tuoi clienti potrai:

  1. Costruire una lista clienti che in qualunque momento è un’ottima fonte di fatturato.
  2. Difenderti dei concorrenti, portando i clienti fuori da un luogo condiviso (come Amazon o altri) e tenendoli all’interno del tuo ecosistema di vendita.
  3. Affermare il tuo marchio, anche online, aumentando anche il valore dell’azienda stessa.
  4. Fidelizzare i tuoi clienti per gli anni a venire. Perché i clienti che comprano da te hanno in mente la tua azienda, quelli che comprano da Amazon, purtroppo, hanno in mente Amazon.

Così ottieni i risultati di vendita che stai cercando

Prima di investire un singolo euro in pubblicità su Google e Facebook o nella costruzione di un sito e-commerce, è bene vedere quali opportunità offre il tuo settore se vai a vendere online.

Non è infatti raro vedere molte imprese che aprono siti web, lanciano campagne di marketing online, senza conoscere come funziona il proprio settore su Internet.

Lanciarsi nella vendita online senza un piano di azione specifico è un bel rischio. Si può finire con il mettere soldi dove non serve e con il perdere clientela perché non si sa dove e come intercettarla.

Il primo passo, dunque, per trovare clienti e aumentare le vendite è fare una serie di esami del tuo settore.

Un’analisi di concorrenti, delle ricerche su Google, dei bisogni e paure dei clienti, dei canali pubblicitari utilizzabili e la definizione di una strategia comunicativa efficace sono alla base di qualunque solido piano di promozione su Internet.

In pratica devi sapere:

  1. Chi sono i tuoi concorrenti online e costa stanno facendo.
  2. Quali parole i tuoi clienti usano per trovare i tuoi prodotti o servizi.
  3. Quanto potrebbe costare il traffico acquistato per queste parole chiave.
  4. Cosa desiderano i tuoi clienti e di cosa hanno paura (freni all’acquisto).
  5. Dove è meglio intercettare i tuoi clienti e quali sono le campagne migliori per iniziare.

Queste informazioni, senza le quali non venderai sul web, le puoi raccogliere solo attraverso un’analisi accurata del tuo mercato.

Oggi il mercato online ha già una competizione alta. Non puoi investirci senza conoscere i numeri del tuo settore.

Informati ora…

Per spingere adesso il tuo canale di vendita online aziendale, richiedi il contatto con un nostro tecnico. Insieme individuerete il percorso corretto per ottenere i fatturati che cerchi.